Orilletas :: Dolce Tipico Sardo di Carnevale - Le Vie del Gusto :: Piatti Tipici Sardi - Enogastronomia - Ricette Tipiche Sarde e Itinerari Enogastronomici. La Storia di una Regione attraverso le sue tradizioni enogastronomiche.

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Orilletas :: Dolce Tipico Sardo di Carnevale

Dolci Sardi

Orilletas

Dolce tipico prodotto in particolare nel periodo di Carnevale.
Questi ingredienti sono però gli stessi di un'altro dolce tipico di Carnevale ossia le Chiacchere
che a differenza delle Orilletas non vanno bagnate nel miele ma semplicemente fritte e cosparse di zucchero a velo, con la classica forma di rettangolo o rombo.



Ingredienti :
3 uova
300 g di farina
50 g di strutto
La Scorza di un'arancio grattugiata
Acqua
Un pizzico di Sale
Miele Sardo

Orilletas di Carnevale

Preparazione:

Le uova la farina e strutto e il pizzico di sale vanno miscelati con l’acqua e lavorati fino ad ottenere un impasto omogeneo da cui si ricava una sfoglia molto sottile.
La stessa viene poi tagliata in strisce della larghezza di circa cm.2 con l’ausilio di una rotella per pasticcere. La pasta così tagliata viene lavorata in modo tale da dare al dolce la caratteristica forma.
Il dolce viene poi fritto nell’olio, lasciato raffreddare per poi essere ripassato con il miele precedentemente preparato in un recipiente dalle pareti basse, sciolto a fuoco lento con l’aggiunta di un pò d’acqua e della scorza d'arancio grattugiata.
All’interno del recipiente, tenuto sempre sulla fiamma per impedirne la condensazione, vengono adagiate le Orilletas che andranno girate in modo tale da essere ricoperte in tutti i lati da uno strato sottile di miele.
Il dolce viene lasciato raffreddare prima della consumazione.
La pasta fritta ha lunghi tempi di conservazione.

Il sapore delle Orilletas, quando ancora non sono state ripassate con il miele, è simile a quello dei tradizionali dolci preparati nel periodo di Carnevale denominati Chiacchere.


 
Copyright 2016. All rights reserved. Versione Mobile realizzata da "Le Vie della Sardegna"
Torna ai contenuti | Torna al menu