Gueffus :: Sinonimi: Guelfos, Guelfus, Guefus o Sospiri. Piccolo dolce tipico sardo di forma sferica composto da zucchero semolato mandorle e limone. - Le Vie del Gusto :: Piatti Tipici Sardi - Enogastronomia - Ricette Tipiche Sarde e Itinerari Enogastronomici. La Storia di una Regione attraverso le sue tradizioni enogastronomiche.

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Gueffus :: Sinonimi: Guelfos, Guelfus, Guefus o Sospiri. Piccolo dolce tipico sardo di forma sferica composto da zucchero semolato mandorle e limone.

Dolci Sardi
Gueffus, Guelfos, Guelfus dolce tipico sardo Piccolo dolce di forma sferica composto da zucchero semolato, mandorle e limone
Gueffus, Guelfos, Guelfus dolce tipico sardo Piccolo dolce di forma sferica composto da zucchero semolato, mandorle e limone

Gueffus
Conosciuti anche come suspirus, a sud dell’Isola si chiamano gueffus, a nord guelfos e al centro appunto sospiri (Sospiri specialità di Ozieri) nella variante con la cappa.


Ingredienti
500 g di mandorle
500 g di zucchero
1 bicchierino di maraschino o di liquore analogo
1 bicchierino di acqua di fior d'arancio
la buccia grattugiata di un limone

Preparazione
Pelare le mandorle, dopo averle immerse precedentemente in acqua bollente per 5 minuti, e passarle nel tritatutto fino a ridurle in polvere. Mettete in un tegamino lo zucchero e posizionatelo sulla fiamma, aggiungete mezzo bicchiere d'acqua, il liquore, l'acqua fior d'arancio, la buccia grattugiata del limone e portare ad ebollizione, cuocere sempre mescolando per 5 minuti. A questo punto aggiungere la polvere di mandorle e far cuocere ancora, sempre mescolando, finchè tutto il liquido sarà evaporato. Togliere il tegame dal fuoco e attendere che il composto si raffreddi.
Appena l'impasto sarà maneggiabile, prendere delle piccole quantità di composto e formare con il palmo della mano delle palline grandi quanto una noce. Cospargerle di zucchero semolato e disporle su un piatto ad asciugare.

I Guefus devono essere involti come se fossero caramelle, per questo motivo procuratevi alcuni fogli di carta velina colorata, e ritagliate dei rettangoli nel formato 10x15 centimetri in modo da poter incartarci le palline, con le forbici potete sfrangiare le estremità della carta.

Tonara dolci tipici Gueffus

Sospiri di Ozieri


Ingredienti:
200 g di mandorle, 150 g di zucchero semolato, 1 limone, cannella, 150 g di zucchero a velo, 1 albume, farina, acqua.

Preparazione:
Tritare bene le mandorle insieme a mezzo cucchiaio di zucchero. In un tegame fare un composto con cinque cucchiai di zucchero, la scorza del limone e acqua per inumidire. Mettere sul fuoco e quando bolle versare il passato di mandorle. Mescolare fino ad ottenere un impasto compatto. Rovesciare il composto sul tavolo da lavoro, quando sarà freddo formerete delle palline che poi schiaccerete con il palmo della mano a formare dei piccoli medaglioni alti mezzo centimetro. Disporrete i medaglioni su una teglia precedentemente infarinata e infornarli a 80 gradi circa. Nel frattempo si prepara la glassa o cappa, usando i 125 g di zucchero a velo qualche goccia di limone e una chiara d'uovo sbattuta a neve con un pizzico di sale. Toglierete i sospiri dal forno quando saranno totalmente asciutti e una volta freddi li ricoprirete con la glassa. Vi consigliamo di lasciarli bene asciugare magari per tutta una notte, il giorno dopo li involgerete in carta velina colorata.

Prodotto Tradizionale della Sardegna
Descrizione sintetica del prodotto Piccolo dolce di forma sferica composto da zucchero semolato, mandorle e limone.
Metodiche di lavorazione, conservazione e stagionatura Preparazione manuale delle materie prime, pesatura, amalgamatura e cottura delle stesse nell’impastatrice. Dopodiché l’impasto viene lasciato raffreddare e, successivamente, si passa alla modellatura manuale del prodotto. Si ottengono tante palline che vengono inzuccherate e confezionate con carta colorata.
Materiali e attrezzature per la preparazione e il condizionamento Impastatrice, banco di lavoro e confezionatrice.
Locali di lavorazione, conservazione e stagionatura
Laboratorio rispondente alla normativa vigente.
Metodiche omogenee e regole tradizionali da oltre 25 anni
Dichiarazione rilasciata dall’Assessorato dell’Agricoltura e riforma agro-pastorale della Regione Autonoma della Sardegna sulla conformità al D.M. 390/99.

I prodotti tradizionali
Con il termine "prodotti tradizionali" s'intendono quei prodotti agroalimentari le cui metodiche di lavorazione, conservazione e stagionatura risultino consolidate nel tempo, omogenee per tutto il territorio interessato, secondo regole tradizionali, per un periodo non inferiore ai venticinque anni. Il "sistema" dei prodotti tradizionali è regolamentato dal decreto del 18 luglio 2000.
“Prodotto Tradizionale" è un marchio di proprietà del Mipaf che si colloca al di fuori della normativa sulle attestazioni DOP, IGP e STG.

DATI SUL PRODOTTO
Denominazione del prodotto: Gueffus
Categoria: Paste fresche e prodotti della panetteria, della biscotteria e confetteria
Sinonimi: Guelfos, Guelfus
Nome geografico abbinato: Nessuno
Territorio interessato alla produzione: Tutto il territorio della Regione Sardegna
Costanza metodo di produzione oltre 25 anni: Accertato
Richiesta deroghe normativa igienico-sanitaria: Nessuna

 
Copyright 2016. All rights reserved. Versione Mobile realizzata da "Le Vie della Sardegna"
Torna ai contenuti | Torna al menu