Suppa Cuata :: la Zuppa Gallurese - Le Vie del Gusto :: Piatti Tipici Sardi - Enogastronomia - Ricette Tipiche Sarde e Itinerari Enogastronomici. La Storia di una Regione attraverso le sue tradizioni enogastronomiche.

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Suppa Cuata :: la Zuppa Gallurese

Primi > Primi di Terra
maialini
Suppa Cuata

Suppa Cuata ovvero la Zuppa Gallurese.


Suppa Cuata la disputa è su dove si fa più buona ad Arzachena o Tempio?
Cannella o Saporita? Brodo di manzo o di pecora?
Noi comunque vi diamo la nostra ricetta.

Ingredienti

Per il brodo

Un pezzo magro di manzo e un pezzo di costole di pecora con un po di grasso. Cipolla, sedano, carote, prezzemolo, due cucchiai di conserva di pomodoro, due foglie di alloro, due chiodi di garofano e il sale.

Per la Zuppa
Una corona di pane di grano duro raffermo di almeno tre giorni
600 grammi di formaggio vaccino a pasta filata
Prezzemolo fresco
Saporita

Burro

Preparazione
Preparare possibilmente dal giorno prima il brodo, la riuscita del piatto è proprio nella cura della preparazione di quest’ultimo. Una volta pronto il brodo di carne ungete con del burro una teglia, nel frattempo avrete preparato il pane a fette. In un piatto a parte sminuzzate il formaggio e unitevi il prezzemolo tritato e un cucchiaino raso di saporita e mischiate il tutto con le mani. Ora fate uno strato di pane nella teglia precedentemente unta col burro e bagnatelo con il brodo di carne.  Cospargete con il composto di formaggio prezzemolo e saporita, quindi fate un’altro strato di pane e bagnatelo col brodo e poi cospargete di nuovo con il formaggio e così via fino a terminare il pane e il formaggio che sarà posto in abbondanza sopra l’ultimo strato di pane bagnato col brodo, per creare la classica crosticina dorata, una volta inserita la teglia nel forno già caldo a una temperatura di 180° per una quindicina di minuti.


Da Le Vie del Gusto non ci resta che augurarvi una buona degustazione di questo
Piatto Tipico Sardo.

 
Copyright 2016. All rights reserved. Versione Mobile realizzata da "Le Vie della Sardegna"
Torna ai contenuti | Torna al menu